Sulla Gazzetta Ufficiale n. 131 dell’8 giugno 2018, è stato pubblicato il decreto del Ministro del lavoro relativo all’aggiornamento dei divisori e dei coefficienti di trasformazione utili per il calcolo delle pensioni che verranno liquidate in tutto o in parte con il metodo contributivo a partire dal 1 gennaio 2019.

Secondo quanto previsto dalla normativa, questi coefficienti vengono periodicamente modificati in base alla rilevazione delle variazioni demografiche e dell’andamento effettivo del tasso di variazione del PIL di lungo periodo rispetto alle dinamiche dei redditi soggetti a contribuzione previdenziale rilevata dall’ISTAT.

Dal 2019 la variazione ha cadenza biennale, di conseguenza i nuovi coefficienti di trasformazione verranno utilizzati per calcolare le prestazioni pensionistiche di chi andrà in pensione tra gennaio 2019 e dicembre 2020.

Sulla base di tali parametri, i coefficienti di trasformazione sono stati rivisti al ribasso.

Di conseguenza, poiché si applicano, in base all’età di pensionamento, sull’intero montante contributivo maturato, coloro i quali raggiungono il diritto a pensione entro la fine di quest’anno devono attentamente valutare se, rispetto all’importo del futuro assegno pensionistico, sia può conveniente  rimanere al lavoro oppure accedere alla pensione prima di gennaio 2019.

Vi invitiamo a rivolgerVi al Patronato INAS-CISL per la necessaria consulenza.

Ecco i nuovi coefficienti.

Età Divisori Valori in %
57 23,812 4,200
58 23,236 4,304
59 22,654 4,414
60 22,067 4,532
61 21,475 4,657
62 20,878 4,790
63 20,276 4,932
64 19,672 5,083
65 19,64 5,245
66 18,455 5,419
67 17,844 5,604
68 17,231 5,804
69 16,609 6,021
70 15,982 6,257
71 15,353 6,513