Proprio in questo periodo si stanno definendo i contenuti delle leggi di bilancio dello Stato e della Regione per il 2019. E molti dei provvedimenti che ne scaturiranno ci toccano da vicino e potranno determinare il modo cui verrà dato sostegno alle pensioni, sarà riorganizzata la sanità, saranno promossi e resi operativi i servizi di assistenza agli anziani.

L’INPS, con una recente comunicazione, ricorda che anche il requisito anagrafico per ottenere l’assegno sociale è soggetto agli adeguamenti della speranza di vita e che, pertanto, a partire dal 1° gennaio 2019 tale incremento (come per la pensione di vecchiaia) sarà pari a 5 mesi.

Nella sezione apposita del suo sito web, l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato una versione aggiornata della guida sulle agevolazioni fiscali a seguito di ristrutturazioni edilizie, nella quali si forniscono informazioni su obblihi e possibilità.

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 275 del 26 novembre 2018 il decreto 16 novembre 2018 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che stabilisce “il valore della variazione percentuale, salvo conguaglio, per il calcolo dell’aumento di perequazione delle pensioni spettante per l’anno 2018 con decorrenza dal 1° gennaio 2019, nonché il valore definitivo della variazione percentuale da considerarsi per l’anno 2017 con decorrenza dal 1° gennaio 2018”.

Con la rata di pensione di dicembre, oltre alla rata normale e alla "tredicesima", potrebbero venir erogati altri due importi riguardanti, rispettivamente, l'"importo aggiuntivo" per gli incapienti e la "quattordicesima". Vediamo di cosa si tratta e chi ne abbia diritto.

I libretti al portatore sia bancari che postali cesseranno di essere validi a far data dal 1° gennaio 2019. Questo in forza del decreto legislativo 90 del 25 maggio 2017 che ha dato attuazione ad una direttiva dell’Unione Europea per prevenire il riciclaggio e per garantire la tracciabilità dei flussi di denaro contante.

contromano33E' uscito il numero 33 di Contromano, il periodico della CISL Pensionati, sulle ultime novità sulle pensioni che portano i Sindacati a convergere sulla richiesta di un incontro con il nuovo Governo, al fine di discutere le proposte di riforma e flessibilità del comparto previdenziale.